Come utilizzare i fondi di caffè

Le piante giovano di un concime naturale a base di caffè?
Nell’articolo scopriremo tutto ciò che c’è da sapere per poter usufruire al meglio dei benefici.

Fondi di caffè come concime per le piante.

Caffè e giardinaggio: tutte le piante giovano di un concime naturale a base di caffè? Nell’articolo scopriremo tutto ciò che c’è da sapere per  riciclare i fondi di caffè per usufruire al meglio dei benefici di questa vigorosa polvere.

Il caffè, storico alleato per una carica di energia, oltre a incrementare le funzioni celebrali di coloro che lo assumono, può aiutarci nel mantenimento e nella cura del nostro giardino e orto.

Infatti, i fondi della moka possono essere utilizzati come concime naturale. Oltre a rappresentare una scelta green, costituiscono un’alternativa economica al classico concime.

Nell’articolo approfondiremo quali sono le piante che maggiormente amano il caffè e come utilizzare i fondi nella concimazione dell’orto e del giardino.

Proprietà del caffè.

La polvere di caffè contiene una serie di elementi come il calcio, l’azoto, il potassio e il magnesio che danno al nostro terreno enormi benefici: aumentano il livello di drenaggio dell’acqua, migliorano l’aerazione e aiutano la proliferazione dei microrganismi responsabili dell’aumento della crescita delle piante.

Nello specifico, il caffè agisce nel terreno aumentando la sua acidità e, per questa ragione, a giovare dei suoi benefici sono soprattutto le piante acidofile (il PH ideale del terreno per queste piante deve essere compreso tra 4 e 6,5) come le azalee, i gigli, le camelie, le gardenie e le ortensie.

I fondi del caffè non vengono in soccorso solo delle piante ma anche dell’orto, favorendo la crescita di carote e ravanelli.

Attenzione a non utilizzare questo concime naturale con i pomodori poiché, anche se prediligono dei terreni acidi, non reagiscono bene a questo tipo di trattamento.

L’azoto, infatti, stimola la crescita delle foglie e di tutte le componenti verdi della pianta, andando però a compromettere lo sviluppo dei frutti.

Come concimare?

È importante capire a fondo che cosa fare per sfruttare al meglio le grandi qualità della polvere di caffè al fine di ottenere degli ortaggi e delle piante rigogliose. Riporteremo qui sotto alcuni consigli da tenere a mente:

È fondamentale far asciugare il caffè (in questo modo si tengono lontani gli insetti, soprattutto lumache, formiche e vermi).

Se le piante si trovano all’interno di un vaso quello che bisogna fare è disseminare la polvere sulla terra.

Inoltre, se lo spazio da concimare è quello del giardino, è consigliabile versare il caffè all’interno di un contenitore, una volta ottenuto un compost, mischiarlo insieme al terriccio della pianta interessata.

Un’altra modalità di utilizzo è quella di creare un fertilizzante liquido: bisogna unire due tazze di fondi di caffè con un secchio di acqua e lasciare il tutto in infusione per almeno un giorno. Una volta ottenuto il fertilizzante, bisognerà spargerlo direttamente sulle piante.

Ora che sapete tutti i segreti su come mantenere il vostro giardino e orto rigoglioso a costo zero, non vi resta che mettere in pratica tutti i nostri consigli.

Domenica Lunedi martedì mercoledì giovedi Venerdì Sabato gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre