Caffè americano: come si fa? I segreti del caffè americano

Il vero caffè americano è molto di più di un semplice espresso allungato con l'acqua calda: scopri come farlo, quale miscela di caffè macinato è migliore per te

Caffè americano VS caffè all'americana: ecco le differenze

Ritrovarsi nel vecchio West, entrare in un bar solitario e gustare una tazza di caffè americano è una di quelle esperienze che si dovrebbero fare una volta nella vita. Sì, perché, noi italiani, così affezionati al nostro espresso, abbiamo finito per etichettare il caffè d'oltreoceano come una bevanda priva di gusto, alla stregua di una tazza di acqua calda colorata. Noi dell'Antica Torrefazione, che di caffè ce ne intendiamo, vorremmo fare un po' di chiarezza sull'argomento.

Il vero caffè all'americana è molto di più di un semplice espresso allungato con l'acqua calda. Questo tipo di preparazione è una consuetudine acquisita prevalentemente in Italia: se entriamo in un bar e chiediamo un americano, ce lo serviranno così. Quel caffè americano, però, non ha nulla a che vedere con il vero caffè all'americana, che è una bevanda gustosa, leggera e ricca di caffeina (almeno tre volte tanto quella dell'espresso!)

Caffè americano preparazione:

Come fare il caffè americano? Esiste un caffè americano ricetta? Quello che abbiamo visto nei film, versato nelle mug (tazze grandi) è chiamato anche filter coffee, caffè filtro e, per prima cosa, necessita di una macchina apposita per essere preparato. La caffettiera made in USA consiste in una caraffa elettrica, generalmente di vetro, ma anche di acciaio, nella cui parte superiore è posizionato il filtro, nel quale verrà depositata la miscela di caffè.

Il caffè si ottiene per percolazione (filtraggio): l'acqua bollente, riscaldata dalla macchina a una temperatura ideale che varia fra i 93 e i 95 gradi, gocciola lentamente sulla miscela di caffè e la bevanda ottenuta si deposita nella caraffa sottostante. Proprio per questo è consigliato utilizzare l'apposita caffettiera, evitando di usare la moka, o le macchine del caffè a cialde.

Altro punto fermo è la miscela caffè americano: non si può utilizzare la stessa miscela del caffè espresso, perché è troppo fine e passerebbe tra i fori del filtro, creando un fastidioso fondo nel caffè. Ci vuole una macinatura più grossolana. Ma non basta. La miscela deve possedere il giusto aroma e profumazione: da preferire sempre un 100% arabica a qualsiasi altra.

Per concludere, parliamo di quantità. Caffè americano dosi, come fare? Noi consigliamo di inserire sul filtro un cucchiaio ben colmo di caffè (7-8 grammi) per ottenere due gustose tazze.

Se siete in procinto di partire per le Americhe il consiglio è quello di non diventare matti a cercare  qualcuno che vi faccia un espresso! Lasciatevi deliziare dal vero caffè all'americana e da chi conosce tutti i segreti per prepararlo.

Ma se siete in Italia, e volete provare un caffè americano come si fa? 

Potete derogare su altri aspetti, ma non sulla miscela. Noi lo sappiamo bene, per questo vi consigliamo uno dei nostri 100% arabica: noi lo macineremo per voi, esattamente della consistenza ideale per il vostro americano.

La miscela 100% arabica Blue Bar, per esempio, per veri intenditori o il 100% arabica Porto Turquino, dolce e acidulo, ideale per chi ama il caffè molto aromatico. E se preferite un caffè americano decaffeinato? Provate il nostro salutare decaffeinato estratto ad acqua, anch'esso 100% arabica.

Se il vostro ultimo dubbio è - caffè americano dove comprarlo - noi siamo a disposizione sia sul nostro shop online, che direttamente nel nostro laboratorio di Via Valobra 154, a Carmagnola (TO). Vi aspettiamo! 

Prova la miscela 100% arabica Blue Bar - macinata per filtro americano

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi martedì mercoledì giovedi Venerdì Sabato gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre