Caffè in grani: un rito per veri intenditori

Caffè in grani: il migliore caffè che diventa un rito per veri intenditori. Cosa bisogna fare per gustare un'ottima  tazza di caffè in grani macinandolo a casa.

Il rito del caffe in grani: solo per veri intenditori. 

Acquistare il caffe' in grani fino a qualche decennio fa era cosa molto più comune di oggi che si tende a preferire il prodotto già macinato e pronto all'uso. 

Proprio per questo, sceglierlo artigianale e poi macinarlo per conto proprio si può considerare quasi un’arte, un rito a esclusivo uso di veri appassionati e intenditori. 

Noi dell'Antica Torrefazione siamo d'accordo perché, occupandoci di questa bevanda da molti anni, siamo consapevoli che i chicchi caffe hanno davvero pochi rivali in quanto gusto e aroma. 

Se state pensando di provare ad acquistarlo al posto del solito macinato, è bene che sappiate tre cose fondamentali prima di procedere: dovrete scegliere la giusta miscela, praticare una corretta macinatura dei chicchi ed eseguire una corretta conservazione. 

Le miscele: caffe in grani arabica 100%, o robusta, o un mix personalizzato di entrambe, che potrete creare direttamente a casa; il consiglio è di scegliere una miscela tostata in laboratorio con metodi artigianali e non industriali, come, ad esempio, tutte le quelle che vi proponiamo nel nostro shop-on line. Non esiste, infatti, una classifica migliori caffe in grani perché molto dipende dalla miscela da voi scelta, che è sempre una questione di gusto personale. 

La macinatura: una volta acquistata la miscela, dovrete munirvi di un macinacaffè manuale (antico, moderno, a manovella) e non elettrico, che potrebbe surriscaldare i chicchi. A seconda del tipo di macchina che userete, la granulometria sarà molto diversa. Per la moka è consigliabile una macinatura che abbia la stessa consistenza del sale fino, in modo che passi velocemente attraverso i fori, limitando il tempo di contatto con i chicchi e che non lasci il fondo nella tazza (nel caso, la macinatura è troppo fine). 

Per la macchina espresso invece è richiesta una macinatura irregolare, cioè un po' fine e un po’ più granosa. In generale, il miglior caffe in grani per macchine automatiche rimane quello con una macinatura più sottile, ma comunque, dovrete essere bravi ad affinarvi con la tecnica! 

Per quanto riguarda il caffè filtro, invece, bisogna optare per una macinatura decisamente più grossolana. 

Infine, la conservazione, che deve essere praticata in contenitori ermetici: gli aromi del caffè sono volatili, se nei grani si disperdono nell'arco di pochi di giorni, in quello appena macinato impiegano poco più di due ore! Proprio per questo il consiglio è di macinare solo la quantità di caffè che vi serve, al momento. 

Quello del caffè in grani rimane senza dubbio un rito per veri intenditori e appassionati non solo di caffè, ma anche di un modo di vivere lento, fatto di piccoli gesti quotidiani e di momenti che profumano di sapori antichi.

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi martedì mercoledì giovedi Venerdì Sabato gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre